Facebook

Facebook punta sugli Influencer: nasce Brand Collabs Manager

Dal Media Display al Programmatic all’Influencer Marketing, Facebook punta a WIP e Micro-Influencer grazie al lancio di una piattaforma dedicata al Native Adversting interna al social network.

Qualcuno aveva preannunciato la fine prematura dell’Influencer Marketing, o quantomeno un suo radicale ridimensionamento da fenomeno mainstream (e direi anche selvaggio e senza un minimo di regolamentazione), dove spesso la pubblicità occulta, o markette, la facevano e la fanno da padrona, a un segmento strategico nelle attività di marketing online, focalizzato su Local o Micro Influencer, caratterizzati da una maggiore verticalità topicale, oppure su strategie di Social Advocacy, puntando sul coltivare gli Influencer direttamento nell’orticello aziendale. Quel qualcuno dovrà ricredersi ora che lo stesso Facebook, forte dei suoi oltre 2 miliardi di utenti attivi mensili, punta apertamente sugli Influencer, introducendo lo strumento Brand Collabs Manager con lo scopo di mettere in contatto Brand e Creator.

Sulla pagina del Centro assistenza per gli inserzionisti di Facebook lo strumento viene descritto come “un markeplace che aiuta brand e creatori a trovare, ad apprendere ulteriormente e connettersi l’un l’altro“.

In particolare, si legge che un brand ha la possibilità di:

  • impostare la propria audience per verificare questa corrisponde con la percentuale di audience del singolo creator (quindi, senza perdere potenziali utenti/clienti dovuti alla minor “fama” dell’influencer);
  • scegliere un creator o un gruppo di essi per trovarne altri con un pubblico simile;
  • esplorare liste personalizzate di creator basate sui partner per i quali hanno realizzato contenuti sponsorizzati in precedenza, sui creator che seguono la propria Fan Page, etc.;
  • inviare email ai creator e iniziare una conversazione in merito alla possibile collaborazione.

Il messaggio, lo ribadisco, è chiaro: puntare maggiormente sulla presenza di Influencer all’interno di Facebook, sbaragliando l’eventuale concorrenza e, soprattutto, far convergere le attività (finora poco controllate) delle Web Star di Instagram (non è un caso che, contestualmente, sia stata lanciata la Instagram Tv con la possibilità di puntare, oltre che sulle immagini, anche sui video di lunga durata che va a fare compagnia a Facebook Watch) all’interno del social network più frequentato al mondo. D’altronde la posizione di Facebook, nonostante la ritrosia iniziale, è sempre più chiara: la piattaforma è piano piano cambiata da “semplice” social network in community editoriale, come ha ammesso recentemente lo stesso Zuckerberg in tribunale.

Come funziona? Basta accedere al sito https://www.facebook.com/collabsmanager/start#, scegliere tra il profilo Brand o Creator e registrarsi, per iniziare rispettivamente a promuovere il proprio marchio o mettere al servizio di un’azienda la propria visibilità.

Attenzione però, attualmente l’accesso allo strumento è limitato agli utenti in US ma è possibile candidare la propria Fan Page in qualità di Brand (cliccando qui) Facebook Brand Collabs Manager - Registrazione Brand

o di Creator (cliccando qui),

Facebook Brand Collabs Manager - Registrazione Creatorper essere aggiunti alla lista d’attesa per essere avvisati quando il servizio sarà rilasciato anche in Italia.

Tommaso Lippiello

Tags

Tommaso Lippiello

Lavora da tempo come Digital Program Manager per Agenzie di Marketing e Comunicazione e in Aziende del settore ICT. Consulente Digitale per realtà come DigiCamere - Camera di Commercio di Milano, Microsoft Bing, Reply e Luxottica, è attualmente Digital Innovation Manager in CRAI Secom SpA, Docente presso l'Università LIUC nel corso "La comunicazione interattiva: blog, social network, app, business network" presso la facoltà di Economia e Management e Advisor allo IULM Innovation Lab. Esperto di Social Media ha esperienza come Speaker e Formatore ed è il creatore e redattore di SocialMediaLife.it e co-Founder di MobilitaPubblicoImpiego.it. Seguimi su:

Related Articles

One Comment

  1. senz entrare nel tecnicismo volevo solo informare che per i mrico influencer c’è una nuova opportunità, un settore di nicchia, libero non ancora sfruttato….già da qualche anno alcune aziende del settore animazione turistica, hanno adottato una nuova tipologia di influencer, ovvero “l’animatore turistico influencer”. Si tratta di animatori turistici che operano sui social, allo scopo di diffondere tra i giovani, l’atmosfera del villaggio turistico, spiegare chi sono gli animatori turistici, quali sono i loro compiti, i ruoli e quali competenze professionali devono: conoscere ed essere in grado di eseguire. Non mancano video con aneddoti, esperienze di vita, suggerimenti. Conosco bene questa realtà, da anni collaboro con Animandia.it un sito del settore e posso affermare che è una nicchia di mercato innovativa tutta da scoprire…e non occorre la laurea, ma tanta voglia di mettersi in gioco, essere seguito e attivo sui social e ovviamente, avere esperienza come animatore turistico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also
Close
Back to top button
Close
Close