Facebook

Facebook vade retro! Il mondo dei “Social-Disconnected”

Le 7 categorie di persone che non gradiscono l’iscrizione ai social network (o che non sanno nemmeno cosa siano)

Per la young generation, avere un profilo su Facebook, Twitter, LinkedIn, Google+ e altre reti sociali è diventato ormai qualcosa di scontato, ma quante sono ancora le persone che hanno un rigetto verso questa nuova forma di media?

Quante volte ci sarà capitato di chiedere a qualche nostro amico o amica poco web addicted: “Dammi il tuo contatto Facebook che ti aggiungo!” e questo vi avrà risposto cadendo dalle nuvole: “Facebook? Non so cosa sia!” oppure “Non voglio essere su Facebook, è roba per impiccioni!”.

Di repliche simili, molto anti-social network, potremmo elencarne davvero tante, così tante da lasciare quelli più “social connected” davvero a bocca aperta.

Proposta

Silicon Alley Insider - Statistiche Utilizzo di Facebook

Abbiamo fatto uno studio su quelle che possono essere le categorie di persone anti-social, escludendo dall’analisi la nonna che non sa nemmeno cosa sia un computer, lo zio che non ha mai avuto un solo motivo per accenderne uno, il gatto, il cane e il criceto che vorrebbero tanto provare un nuovo gioco nonché i teenager che, nonostante il desiderio di iscriversi, incontrano un certo ostracismo da parte dei genitori. Proviamo dunque a stilare un elenco delle principali categorie delle persone che possiamo definire “social-disconnected”:

1) Quelli che “Facebook Non Mi Avrà”: Non sono mai stati iscritti a Facebook, rimarcano con orgoglio che non si iscriveranno mai e della loro resistenza agli ultimi trend se ne fanno un vanto. Inutile spiegar loro che FB non è né una moda passeggera, né un luogo di perdizione. Queste persone non conoscono Facebook. Però sembrano sapere senza ombra di dubbio che:

  • è stupido e pieno di gente stupida;
  • fa perdere un sacco di tempo;
  • arrivano “mille richieste” (non meglio specificate);
  • è pericoloso per la privacy;
  • crea dipendenza;
  • vecchi amici che tu non gradiresti ritrovare possono entrare di nuovo in contatto con te.

Facebook, No Grazie

Come fanno a sapere queste cose? Di sicuro spiano le persone attorno a loro storcendo il naso e  sottolineando tutte le cose peggiori di cui sono venuti a conoscenza – Farmville, i test “Che cane saresti?” (che peraltro non circolano da tempo), e il pericolo di essere taggati in foto in cui si ha una faccia mostruosa (e in quel caso sarebbe più logico stare su FB, per controllare la situazione). Altre top reasons: “A me piace conoscere le persone reali e frequentarle dal vivo” (come se su FB ci fossero dei robot, e usarlo escludesse il rapporto faccia a faccia); oppure “A me piace telefonare ai miei amici” (forse restare aggiornati anche in altri modi sembra un tradimento?).

Provando a calarci nei loro panni, è come se questi individui vedessero Facebook come un posto spaventoso e orribile, dove non si fa in tempo a connettersi che tutti vengono a sapere anche i più oscuri dei nostri segreti, dove si trascorrono ore a divincolarsi dalla valanga di inviti alle feste, alle cause e alle richieste indesiderate di amicizia, e dove, anche se ci si vuol staccare dallo schermo per mangiare un boccone, non ci riesce affatto, restandovi incollati notte e giorno come una calamita.

Spesso queste persone, in realtà, sono tentate di iscriversi. Ma non lo confesserebbero mai. Si bloccano perché temono di non essere in grado di utilizzarlo, di dover imparare tutto da zero – meglio allora mascherare la paura con lo snobismo.

Segnaliamo anche la variante – tutt’altro che rara – di quelli che si iscrivono in incognito. Sono coloro che con profili finti controllano fidanzate, mariti, eccetera, ma intanto si proclamano fuori dalla “cosa”. Salvo poi conoscere a loro volta qualcuno su Facebook e cominciare anche a chattarci.

Chatta su Facebook

2) Quelli che “E’ Troppo Faticoso” (variante: “E’ Troppo Complicato”). Sono stati iscritti, per un tempo abbastanza breve. Poi si sono cancellati perché: “Non ho tempo nè voglia di stare davanti al computer”; “Mi hanno clonato il profilo e non sapevo come fare a riprendermelo”; “Cambia troppo spesso la grafica e non riesco ad abituarmi”; “Non cambia mai la grafica, è noioso (di solito aggiungono, sconsolati, “Era più bello MySpace!”); “Mi chiedeva di autenticare il mio account quando accedevo dalle Seychelles, e così mi sono scocciato”.

3) Quelli che “Facebook Mi Ha Deluso”. Erano iscritti, sono stati iscritti un bel pò, hanno partecipato attivamente a mille cause, sono comparsi in mille foto, hanno chiesto l’amicizia a mille persone, hanno postato mille note e mille link (che magari nessuno ha condiviso o commentato) e poi un bel giorno hanno fatto il gran gesto: hanno mandato una lettera collettiva a tutti gli amici dicendo che erano “disgustati dal mezzo” (di cui sottolineavano la frivolezza e le caratteristiche di idrovora temporale) e quindi si sono cancellati.

GraphJam - Quali persone ti trovano su Facebook

La spiegazione è semplice: queste persone avranno confuso Facebook con Meetic, e non hanno rimorchiato nessuno neanche lì.

4) Quelli che “Facebook Mi Ha Spaventato”. “Mi sono tolta perchè la gente si faceva troppo i fatti miei, e stava diventando imbarazzante”. Motivazione che mi lascia perplesso. Se anche tutti sanno che ieri sera sei andata in un tal posto – qual è il problema? Hai qualcosa da nascondere? Ops.

5) Quelli che “E’ Una Cosa Da Giovani” (e magari hanno 40 anni). Persone il cui uso di internet si limita alla posta elettronica e alle news o anche persone che per lavoro conoscono e usano Facebook, magari gestendo pagine per la propria azienda, ma non creano un profilo personale.

Chi è su Facebook

6) Quelli che “Facebook E’ Per La Massa”. Sono gli early adopters, quelli che usano FB da febbraio 2004, che magari lo hanno scoperto negli States e l’hanno portato qui convinti di rivoluzionare il mondo, scontrandosi per anni con la pigra indifferenza di tutti (scontro che li inorgogliva). Poi, c’è stato il boom di iscrizioni ma loro avevano già iniziato ad allontanarsi, diretti verso altri, più intelligenti lidi (Twitter). Sono i geeks, quelli per intenderci che hanno anche Tumblr, Flickr, Friendfeed, Diggit, Anobii, Delicious, Stumbleupon, Meemi, i pionieri di Google Plus, che ora piantano le prime tende in ChimeIn.

Tabella Loghi dei Social Network

7) C’è poi una settima categoria: i Fantasmi. Sono quelle persone che hanno un account Facebook, ma che non lo usano mai né si cancellano. O che magari di profilo ne avevano e ne hanno tuttora uno in uso, ma essendosi lasciati da poco con il proprio partner storico hanno deciso di rifarsi una vita cancellando o bloccando tutti i vecchi amici credendo di sparire così dalla circolazione. Così ad esempio si attende per mesi che ci accettino un’amicizia, e magari li s’incontra in ascensore non osando sollevare l’argomento, facendosi mille timori e poi finalmente quando si accenna timidamente a “Come mai non accetti la mia amicizia su Face?” li si vede cadere dalle nuvole: “Facebook!? Ah già, me n’ero proprio dimenticato!”.

E voi, conoscete altre categorie?

Aldo Palo

 

Tags

Aldo Palo

Sono nato e vivo attualmente a Salerno, sono neolaureato in giurisprudenza e fin da piccolo ho coltivato una gran passione per tutto ciò che sia tecnologico, amo molto scrivere, cucinare e viaggiare. Seguitemi su:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also
Close
Back to top button
Close
Close