Facebook

News Feed aggiornato da Facebook

L’aggiornamento del News Feed da parte di Facebook ha mandato in panico migliaia di social media manager e aziende amanti del fai da te. Paure fondate o ottime notizie?

I post di amici e parenti avranno la precedenza rispetto alle pagine business delle aziende.

A dirlo e comunicarlo per primo è stato il vp Adam Mosseri, che ha affidato al blog del social network più usato al mondo il compito di mandare il messaggio in rete e diffondere il panico fra gli addetti ai lavori.

Proposta

 

Facebook è cresciuto e si è diffuso con la missione di connettere le persone con amici e famigliari. Non vi è dunque da stupirsi se dopo aver allargato un po’ le maglie delle reach organiche per le pagine del mondo business si sia tornati a livelli decisamente bassi. Per il gigante di Menlo Park va privilegiato il rapporto con l’utente, e sempre per favorire l’esperienza di questi, spesso abbiamo visto apparire l’invito da parte del social media più amato a conoscere meglio gli interessi dei suoi fans. 

Il miglior contenuto per te, per intrattenerti e il meglio per te.

Facebook richieste al target


Problema

E’ dunque il caso di avere paura o meno?


A temere questa modifica, che certamente avrà impatti, devono essere solo le realtà che hanno portato gli sviluppatori a compiere la modifica stessa.

Il proliferare di pagine e inserzioni prive di alcuna utilità, prive di coinvolgimento e prive di seguito, sono state penalizzate e colpite duramente. Come potrebbe non capitare che un brutto prodotto, scarso e male in arnese, possa essere fatto fuori dal mercato?

Come ben descritto nella Mucca Viola di Seth Godin, le persone sono già distratte e poco disposte ad approfondire oltre la prima impressione: una veloce occhiata al titolo e via verso la prossima notizia.


Soluzione


Questo aggiornamento andrà valutato nel lungo periodo come tutto quello che accade nel mondo virtuale della rete, insieme ai seguenti fattori :

  • Lavori seriamente sul prodotto e come suggerito da Seth Godin, realizzi un prodotto già straordinario di suo, e non assegni il compito alla parte di marketing di renderlo tale?

    Dont’ Worry.

  • Hai costruito una community che si identifica nel tuo brand, ti cerca, ne discute e lo consiglia ad amici e parenti?

    Dont’ Worry.

  • Hai creato dei gruppi in base ai prodotti acquistati e ogni nuovo aggiornamento lo affidi alle notifiche, lavorando così su un target che già ti conosce e favorendoti dei loro consigli e pareri?

         Dont’ Worry.

In conclusione chi lavora seriamente deve essere contento. I continui aggiornamenti come quelli già annunciati da Facebook, hanno sempre un impatto, questo è sicuro, ma  difficilmente vanno a colpire duramente la parte del business e sono volti a rendere lo strumento sempre più appetibile e usufruibile. Del resto se le persone si stufassero di essere raggiunte da uno spot continuo, e decidessero di sparire tutte cancellandosi, come già detto, il tempo di migrazione ad altra piattaforma, non sarebbe breve e comunque come si dice: prima di abbandonare la nave che affonda, ci vuole calma e sangue freddo.

Keep Calm

And 

Do A

Good Job.

Stefano Cristofori

Tags

Stefano Cristofori

Creo Brand per Aziende e Privati attraverso piani editoriali e linee di comunicazione social. La mia identità professionale è la perfetta armonia fra la mia stupenda family, il mio lavoro e le tutte le mie passioni, la cucina, il web, la montagna, il mare, i quad e leggere leggere leggere. Seguimi grazie ai contatti personali o live a Torino per approfondire le idee di business, le mie, le tue. Le nostre.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also
Close
Back to top button
Close
Close