Twitter

Il lento declino di Twitter

Twitter registra un grosso crollo a Wall Street, ma non solo. Cosa sta succedendo al social network che cinguetta?

Notizia del giorno: secondo molti addetti ai lavori Twitter è in fase di declino. La mancanza di innovazione e l’essere perennemente in seconda linea rispetto a Facebook portano a fare una serie di considerazioni del tutto negative: l’obiettivo del social che cinguetta è quello di permettere agli utenti di informare e tenersi informati, ma cosa è stato fatto per convincere gli utenti a utilizzarlo? Molto spesso gli utenti parlano praticamente da soli, anche perché il sistema di ricerca delle notizie è talmente confusionario che spesso i tweet si perdono in un mare di parole. A tal proposito, pochi sono gli utenti che si impegnano per capire qual è il miglior modo per filtrare le informazioni interessanti.

Un testo è incompleto senza l’intervento di un lettore che, con la sua attività interpretativa, riempia di senso gli “spazi bianchi” di cui il testo è necessariamente intessuto. Umberto Eco

Facciamo i conti con la realtà: siamo in presenza di “utenti pigri“, che non hanno voglia di cercare ma soltanto di avere tutto a portata di click. Quanto Twitter ha saputo rispondere a questa esigenza? Poco (e male). Per non parlare del fatto che non è mai stata creata una dimensione per i professionisti o le aziende come per altri social. Persino Google+ ha le pagine!

Proposta

declino Twitter

A completare il triste quadro è la situazione economica: a inizio agosto le azioni di Twitter hanno registrato un calo del 6% in borsa. Il patrimonio netto della società è sceso sotto i 30 dollari, la nuova soglia minima. Quando la società è sbarcata a Wall Street, l’entusiasmo degli investitori era alle stelle con singole azioni che valevano più di 45 dollari. La strada non è stata in salita però, anzi: la situazione durante l’ultimo anno è stata molto altalenante prima di subire questo massiccio crollo. Twitter arriva quindi zoppicante al secondo trimestre dell’anno.

Questi crolli non sono nuovi nella storia della società che finora è riuscita a risollevarsi. Il declino di oggi, tuttavia, non è qualcosa che può essere ignorato. Il calo dei prezzi delle azioni può minare il morale dei dipendenti, danneggiare il tasso di retention e intralciare le future capacità di investire. Inoltre l’azienda attualmente non dispone di un amministratore delegato permanente e Wall Street potrebbe risentirne.

Al contrario di questo andamento negativo però, guardando i numeri forniti da Twitter, nell’ultimo trimestre il social ha guadagnato 8 milioni di utenti attivi al mese rispetto al trimestre precedente. I “professoroni” sono sempre in agguato e tutti sembrano avere idee lucide per sistemare la situazione economica di Twitter, come se la società non stesse già pensando a come risolvere i suoi problemi. Ma attualmente la strada migliore da percorrere pare essere soltanto il definitivo abbandono di Wall Street.

declino twitter

Annette Palmieri

Tags

Annette Palmieri

Laureata in Scienze della Comunicazione. Sono una persona curiosa, dinamica. Amo parlare, cercare cose nuove, i fiori, gli animali, il cinema, i treni e la tecnologia. Riverso le mie attitudini sul mio quotidiano e le trasformo in passioni. Per questo scrivo e sono diventata social addicted. In breve: peggio di Lucy Van Pelt.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also
Close
Back to top button
Close
Close