SocialMediaLife.it

CircleMe, 6 mesi e non sentirli

In esclusiva per SocialMediaLife il resoconto dei primi sei mesi di vita di CircleMe, il social network basato sugli interessi geolocalizzati.

Qualche tempo fa vi avevamo parlato di CircleMe, nuovissima piattaforma social nata in Italia (Milano) che, basata principalmente su applicazione mobile, pone al centro del networking la condivisione degli interessi tra le persone, interessi che sotto forma di oggetti digitali vengono piantati in giro per il mondo o nei luoghi preferiti dagli utenti.

Sono trascorsi sei mesi dal lancio ufficiale dell’app e Social Media Life vi presenta in anteprima i dati raccolti finora presentati all’interno di una interessante infografica che mostra i comportamenti e gli interessi più condivisi dagli utenti.

Si scopre così che il 67% dei profili registrati si fida degli altri e interagisce senza problemi anche con sconosciuti (con messaggi, suggerimenti, conversazioni). Un utente su due suggerisce su quali interessi cliccare Mi Piace e tra questi le categorie Food&Drink, Passioni e Film sono le categorie più influenzanti. Gli interessi principali, tra quelli “collezionati”, sono Musica (26%), Luoghi (16%) ed Eroi (13%) mentre tra quelli “scoperti” ci sono ancora la Musica (20%), Film (18%) ed Eroi (16%).

Nell’infografica c’è spazio anche per curiosità e gossip: si scopre quindi che Il Piccolo Principe è più popolare de Il Signore degli Anelli (+3%), che Woody Allen supera Jhonny Depp (+93%), che gli utenti preferiscono Bjork a Rihanna (+8%), che Nikon batte Canon (+75%) e che molti preferirebbero andare a Tokyo piuttosto che a Rio de Janeiro (+86%).

Londra, New York, Milano, San Francisco e Parigi invece le top 5 cities per interessi “piantati”

Gli interessi degli utenti cambiano, ovviamente, da paese a paese, per cui mentre in Italia le categorie più seguite sono, in ordine, Eroi, Food&Drink e Luoghi, negli USA si attestano Luoghi, Libri e Film mentre in Giappone sono Food&Drink, Beni e Paassioni. Insomma, paese che vai… interessi che trovi!

Tommaso Lippiello

Exit mobile version