Social Media News

Facebook non controllerà più gli annunci pubblicitari sulla politica

Niente più controllo sulle Ads e fake News della politica. Ma più controllo agli utenti.

Facebook non cambia la sua posizione sulla pubblicità politica all’interno della piattaforma.

Il social network ha ascoltato le critiche in merito alla sua posizione sulle pubblicità della politica e non le ha sottoposte a verifiche di fatto, ha osservato le decisioni di Twitter e Google di porre limiti sempre più alti, persino divieti, alla pubblicità della campagna sui propri network. Ma Zuck e Co. non cambiano idea.

Cercando al tempo stesso di dare agli utenti un maggiore controllo sui modi in cui possono essere presi in target o di mira dagli inserzionisti, comprese le campagne pubblicitarie politiche, nonché una nuova opzione per vedere meno annunci politici nei loro feed, se lo desiderano.

È improbabile che l’ultimo aggiornamento di Facebook sul fronte della pubblicità politica appaghi il coro di critici che hanno ripetutamente invitato la società a intraprendere ulteriori azioni su affermazioni discutibili nelle pubblicità politiche. Ma secondo Facebook, non è questo il problema chiave, almeno non basato sulla loro esperienza.

Ecco cosa è stato annunciato.

 

1. Nuove impostazioni nella libreria degli annunci

 

Facebook afferma che la sua libreria di annunci, che fornisce una completa supervisione della spesa pubblicitaria, del targeting e del finanziamento delle campagne pubblicitarie politiche, la rende “la piattaforma più trasparente nella pubblicità politica“.

annunci pubblicitari target facebook politica

Ma dopo l’incontro con vari gruppi – tra cui attivisti politici, ONG, organizzazioni no profit e volontari – Facebook ha deciso di aggiungere più dati alla libreria di annunci, fornendo informazioni sugli elementi di targeting specifici per evidenziare esattamente come ogni annuncio politico è stato focalizzato.

As per Facebook:

“Stiamo aggiungendo intervalli per Potential Reach , ovvero la dimensione stimata del pubblico target per ogni annuncio di carattere politico, elettorale o sociale in modo da poter vedere quante persone un inserzionista voleva raggiungere con ogni annuncio.”

Questo affronta la preoccupazione del microtargeting – tra le varie accuse legate allo scandalo Cambridge Analytica c’era il suggerimento che i gruppi politici hanno utilizzato il targeting avanzato di annunci di Facebook per affinare su sotto settori di pubblico di nicchia molto piccoli, al fine di influenzare queste persone in base alle loro paure e punti dolenti molto specifici, essenzialmente usando questi elementi contro di loro.

Facebook afferma che il microtargeting di questo tipo non è in realtà il problema che è stato reso noto – secondo i dati interni , l’85% della spesa pubblicitaria dei candidati presidenziali statunitensi su Facebook è stata destinata a campagne destinate a un pubblico stimato superiore a 250.000 persone.

Questa nuova misura nella libreria degli annunci risolverà questo problema, in modo che gli utenti possano vedere da soli quanta capacità avanzata di targeting degli annunci di Facebook viene utilizzata per persuadere sottogruppi di pubblico più piccoli.

 

2. Ricerca e filtro della libreria di annunci migliorati

 

Oltre a ciò, Facebook sta anche semplificando la ricerca nella Libreria di annunci per ottenere maggiori informazioni su come vengono mirati gli annunci politici, con filtri e strumenti migliorati per affinare le sue query.

” Stiamo aggiungendo la possibilità di cercare annunci con frasi esatte, un migliore raggruppamento di annunci simili e aggiungendo diversi nuovi filtri per analizzare meglio i risultati, ad esempio dimensioni del pubblico, date e regioni raggiunte. Ciò consentirà una ricerca più efficiente ed efficace per gli elettori, accademici o giornalisti che utilizzano queste funzionalità “.

Se hai dubbi su come vengono utilizzati gli annunci di Facebook, ora avrai più capacità di individuare e analizzare campagne specifiche.

Questo sarà senza dubbio uno strumento chiave utilizzato da accademici e ricercatori per individuare potenziali problemi nella pubblicità politica sulla piattaforma.

 

3. Controllo sul targeting degli annunci

 

Facebook sta anche cercando di dare agli utenti un maggiore controllo sui modi in cui le campagne politiche possono indirizzarli, in particolare attraverso l’uso di elenchi di terze parti e audience personalizzate.

“Entro la fine del mese inizieremo a implementare un controllo per consentire alle persone di scegliere come un inserzionista può raggiungerli con un pubblico personalizzato da un elenco. Questi segmenti di pubblico personalizzati vengono creati quando un inserzionista carica un elenco con hash delle informazioni delle persone, come e-mail o numeri di telefono, per favorire il targeting degli annunci. Questo controllo sarà disponibile per tutte le persone su Facebook e si applicherà a tutti gli inserzionisti, non solo a quelli che pubblicano annunci con problemi politici o sociali”.

Il controllo consentirà agli utenti di disattivare il targeting per pubblico personalizzato o, al contrario, di essere idonei a visualizzare gli annunci se un inserzionista ha utilizzato un elenco per escluderli.

“Ad esempio, se un candidato ha scelto di escluderti dalla visualizzazione di determinati annunci di raccolta fondi perché non pensa che effettuerai nuovamente una donazione, ma desideri comunque avere la possibilità di vedere tali annunci, puoi impedirti di essere escluso.”

L’idea qui è quella di dare agli utenti un maggiore controllo sulle funzionalità avanzate di targeting degli annunci della piattaforma e di “impedirsi” di essere potenzialmente classificati in base ai dati di un gruppo di consulenza, come Cambridge Analytica, e alle informazioni sui dati che potrebbero possedere.

 

4. Vedere meno annunci politici

 

Infine, Facebook sta anche aggiungendo un nuovo modo per gli utenti di annullare la pubblicità politica, anche se non completamente:

“Vedere un minor numero di annunci su questioni politiche e sociali è una richiesta comune che sentiamo dalle persone. Ecco perché abbiamo in programma di aggiungere un nuovo controllo che consentirà alle persone di vedere meno annunci su questioni politiche e sociali su Facebook e Instagram. Questa funzione si basa su altri controlli in Preferenze annunci che abbiamo rilasciato in passato, come consentire alle persone di vedere meno annunci su determinati argomenti o rimuovere interessi”.

Tieni presente che non puoi annullare completamente la pubblicità politica, ma puoi scegliere di vederne di meno. Ciò consente a Facebook di continuare a pubblicare annunci politici, generando entrate da tali annunci, fornendo anche una certa capacità agli utenti di ridurre l’afflusso di messaggi politici verso la stagione della campagna.

Quindi, come notato, Facebook non sta cambiando la sua posizione, ancora non sottoporrà gli annunci politici al controllo. Ma fornirà agli utenti un maggiore controllo su ciò che vedono e sui dati a cui possono accedere su ciascun annuncio.

Ancora una volta, questo probabilmente non sarà abbastanza per placare i critici che chiedono maggiore azione e, praticamente con tutti questi strumenti che dipendono dal fatto che i singoli utenti effettuino un certo livello di azione, è anche probabile che non vedano un significativo cambiamento, in termini relativi.

Ma ancora una volta, Facebook afferma che tutto ciò è in gran parte irrilevante in ogni caso – come notato da Andrew Bosworth di Facebook in un memo trapelato all’inizio di questa settimana, la maggior parte della copertura sull’influenza politica di Facebook è stata esagerata e l’impatto delle campagne pubblicitarie di Facebook, e la disinformazione specifica, sul comportamento di voto non è significativa come è stata descritta.

Secondo Bosworth:

“La disinformazione dei candidati stessi non è stata considerata una grave lacuna della pubblicità politica su FB nel 2016, anche se la nostra politica era la stessa di adesso. Queste politiche sono spesso coperte dalla stampa nel contesto di un motivo di profitto. Questo è un area in cui posso assicurarti con sicurezza che i critici hanno torto”.

Quindi, secondo Bosworth, le campagne politiche di verifica dei fatti sono quasi un argomento controverso, perché non sono comunque un fattore importante nel contenuto proveniente dai candidati stessi. Aggiungete a ciò la suddetta statistica sul microtargeting (solo il 15% della spesa pubblicitaria dei candidati presidenziali statunitensi è stata destinata a campagne pubblicitarie rivolte a un pubblico di meno di 250.000 persone), e potete capire perché, dal punto di vista di Facebook, l’argomento su entrambi gli elementi sono iperprecisi.

Se queste statistiche sono corrette, allora Facebook potrebbe essere nel giusto, il controllo dei fatti potrebbe non essere critico – e Facebook nota inoltre che anche se questi annunci non sono verificati, le campagne politiche sono ancora mantenute secondo gli standard più ampi della community di Facebook riguardo ai reclami.

facebook pubblicità politica annunci

La posizione di Facebook rimane che non dovrebbe essere costretto ad agire come arbitro nel dibattito politico, che non è in grado di dire cosa è vero e cosa non lo è in tali affermazioni.

In effetti, Facebook ha ripetutamente chiesto un aumento della regolamentazione in questo senso, indicando la “Legge sugli annunci onesti” come una possibile soluzione.

“In definitiva, non pensiamo che le decisioni in merito agli annunci politici debbano essere prese da società private, motivo per cui stiamo sostenendo una regolamentazione che si applicherebbe in tutto il settore. L’Honest Ads Act è un buon esempio: la legislazione che approviamo e molte parti di cui abbiamo già implementato – e ci stiamo impegnando con i responsabili politici nell’Unione europea e altrove per insistere anche sul caso della regolamentazione. Francamente, crediamo che prima Facebook e altre società siano soggette a regole democraticamente responsabili su questo, meglio è”.

Che in realtà, sulla base delle note aggiuntive di Facebook, ha un certo senso – e mentre non sembra ancora giusto che Facebook dovrebbe consentire vere e proprie bugie nelle pubblicità politiche e se la disinformazione non viene comunque diffusa dai candidati stessi, forse la posizione di Facebook non è così problematica come potrebbe sembrare.

Lo stesso vale per il microtargeting: Facebook afferma inoltre di aver considerato la possibilità di limitare il modo in cui può essere utilizzato il suo targeting degli annunci, ma come notato dal direttore del prodotto di Facebook Rob Leathern , vari rapporti di ricerca hanno suggerito che l’implementazione di limiti sul targeting degli annunci avvantaggia solo i candidati con maggiore si intende.

“Con il suo basso costo e la sua alta precisione, la tecnologia di microtargeting è diventata rapidamente una necessità aziendale e politica. Permette ai candidati con risorse finanziarie limitate di comunicare il loro messaggio a un pubblico specifico a una frazione del costo dei canali di comunicazione convenzionali. Vietare l’uso di tali le tecnologie assicurano efficacemente le elezioni per i candidati con il massimo sostegno finanziario da parte di aziende e super PAC che possono finanziare costose campagne di marketing”.

E ancora, i dati di Facebook suggeriscono che questo non è stato un problema così significativo come rappresentato comunque.

No, i candidati non dovrebbero essere in grado di mentire nelle pubblicità che pubblicano sulla più grande rete di persone interconnesse al mondo. Ma se i dati qui sono corretti, la posizione di Facebook è, almeno, difendibile, anche se non sei d’accordo.

Ma ecco la preoccupazione principale: Facebook può assolutamente influenzare il comportamento degli elettori, e lo ha fatto in varie elezioni negli ultimi dieci anni.

Facebook ha persino apertamente promosso questo fatto – nel 2010, Facebook ha affermato che circa 340.000 elettori extra si sono rivelati disponibili a partecipare alle elezioni del Congresso degli Stati Uniti a causa di un singolo messaggio di Facebook nel giorno delle elezioni.

La portata della rete di Facebook gli conferisce un potere immenso in questo senso, ma la domanda a cui stiamo tutti affrontando ora è come Facebook fa esattamente questo.

È attraverso la pubblicità? Facebook dice di no, questo è un elemento minore in gioco. È attraverso la manipolazione, tramite interferenze straniere? Anche Facebook dice di no – mentre è successo, il suo impatto non è stato così significativo come riportato.

La preoccupazione quindi è che se elimini questi elementi come preoccupazioni – e Facebook afferma che è stato compiuto uno sforzo significativo per ridurre il potenziale di impatto di quest’ultimo – allora sei costretto a cercare altrove, il che potrebbe essere ancora più problematico.

Come notato da Bosworth nel suo memo:

“Alla fine della giornata siamo costretti a chiedere quali responsabilità gli individui hanno per se stessi”.

Sulla base delle mie ricerche, sospetto che questa affermazione sia probabilmente corretta. Facebook ha un’enorme influenza sul modo in cui le persone votano, ma non è necessariamente dovuto alla manipolazione intelligente o alla complessa profilazione psicologica di diversi gruppi di destinatari. Facebook dà voce a tutti, e questa è diventata una forza polarizzante perché siamo esposti a una vastissima gamma di opinioni delle persone.

Ora sai cosa pensa il tuo parrucchiere di politica, cosa pensa il tuo meccanico, cosa ha da dire il ragazzo a tre porte da te sui cambiamenti climatici. Non avevi avuto tale accesso prima e quell’aumento dell’esposizione ha spostato ognuno di noi più da una parte o dall’altra. Aggiungete a ciò il fatto che le organizzazioni dei media sono state essenzialmente incentivate a pubblicare opinioni più divisive, più polarizzanti e più distorte al fine di massimizzare il coinvolgimento, e potete vedere come le divisioni sono state approfondite, senza che noi nemmeno lo realizziamo.

In questo contesto, Facebook è ancora almeno in parte responsabile – l’algoritmo di Facebook dà la priorità all’impegno, che è stato un fattore significativo nel guidare le decisioni editoriali a fini più estremi del divario politico, dove l’argomento appassionato porta a più commenti, più condivisioni, ecc. Ma è anche in gran parte basato sul pregiudizio intrinseco dentro di noi, che gioca con le nostre paure e preoccupazioni e le prende in giro, quanto basta per renderci infuriati e attivi.

In questo senso, si tratta di una disinformazione mirata, insieme a rapporti selettivi, all’interno dei più grandi media che è responsabile di un dibattito scarsamente informato e del conseguente comportamento di voto. Non sono pubblicità politiche, non interferenze russe.

Le divisioni sono motivate dal profitto e Facebook, in questo senso, è semplicemente il colosseo che ospita le battaglie, con l’aristocrazia in tribuna, che osserva.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close