Social Media News

I Social dominano il mercato del Programmatic Advertising

Con $ 57.3 Miliardi Il targeting in-app che non si basa su cookie di terze parti ha aiutato i social (in particolare Facebook)

Il mondo social sta registrando una quota superiore alle aspettative della spesa Programmatic per la pubblicità display.

Gli inserzionisti negli Stati Uniti hanno speso oltre 57 miliardi di dollari in digital display programmatic a fine 2019, con il 56,3% di quello destinato alle unità pubblicitarie su piattaforme social, secondo un nuovo rapporto di eMarketer.

programmatic display advertising

Secondo la relazione, la quota di Social della spesa programmatic advertising, dovrebbe aumentare al 57,6% entro il 2021. Dipende dalla stima di aprile di eMarketer del 52%.

aumento spesa pubblicitaria programmatic advertising

Si noti che eMarketer definisce la pubblicità display programmatic come “l’uso dell’automazione per l’acquisto, la vendita o la realizzazione di annunci digitali”, che include annunci display pubblicati tramite API dei publisher e piattaforme di offerta basate su impressioni come Facebook, LinkedIn o Twitter.

Nel complesso, eMarketer prevede che la pubblicità display programmatic rappresenterà l’83,5% della spesa pubblicitaria display digitale totale quest’anno e potrebbe raggiungere quasi $ 80 miliardi entro il 2021 con l’evoluzione delle tecnologie.

Nel complesso, la crescita della visualizzazione programmatica è andata costantemente rallentando con il crescere delle tecnologie.

Perché dovremmo preoccuparci? L’acquisto automatizzato di supporti multimediali rappresenta ora il metodo principale per acquistare supporti di visualizzazione digitali  negli Stati Uniti.

Mentre possiamo criticare il fatto che i social siano classificati come programmatic, le ultime previsioni di eMarketer mostrano quanto i social (con Facebook, in particolare) stiano dominando il panorama del display.

percentuali piattaforme programmatic

Facebook consuma l’ 83% della spesa pubblicitaria social, stimato da eMarketer all’inizio del 2019.

Ricalcare questo, in gran parte, per la capacità di scegliere in modo deterministico il targeting in base agli ID utente che hanno effettuato l’accesso, mentre il deterioramento del supporto per i cookie di terze parti ha reso più impegnativo il targeting programmatic sul web aperto.

“Fare pubblicità in un ambiente di app mobile privo di cookie in cui gli utenti trascorrono gran parte del loro tempo digitale è complicato e difficile”,

ha affermato Eric Haggstrom, analista di previsioni di eMarketer.

“I social network si rivelano la principale eccezione. Hanno reso relativamente facile indirizzare il pubblico su vasta scala in un ambiente in-app “.

Tags

Vincenzo di Improove

Founder at Improove_Agency | Digital Consultant |

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also
Close
Back to top button
Close
Close