Social Media News

Lavoro e social network: in America si può

In questi giorni di acceso dibattito sull’articolo 18, si torna a parlare dell’unione tra lavoro e social media, come nuova leva per far crescere il PIL.

Secondo una ricerca condotta da Capgemini, il 90% delle posizioni lavorative in America saranno destinate a professionisti dell’Information and Communication Technology, soprattutto nell’ambito dei Social Media.

social media job

Proposta

Molte aziende, però, sottolineano come sia difficile trovare candidati con le giuste competenze, per questo, decidono spesso di assumere nativi digitali.

In realtà, questo è un errore madornale perchè questi neo professionisti dei social media non fanno altro che mantenere i rapporti con i loro pari e non allargare l’utenza ad altri gruppi sociali. Questo, fondamentalmente, è un errore che avviene perchè ad oggi non ci sono programmi di studio finalizzati all’implementazione dei social network nelle politiche aziendali.

social network jobs

Se questo accade negli USA, figurarsi in Italia: alcune aziende non fanno nemmeno differenza tra fan page e profilo personale, innescando così tutta una serie di problemi anche relativi alla privacy.

Molti pensano che i social media siano un gioco, un passatempo e uno strumento per vedere la vita degli altri, ma non è così: per un’azienda che sa usare bene questo strumento vuol dire più clienti, più fidelizzazione, più feed back e quindi più guadagni.

Francesca Lizi

Tags

Francesca Lizi

Laureata in Scienze della Comunicazione e in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione di Impresa, impegnata nel sociale come Volontaria della Croce Rossa Italiana. Da sempre appassionata di Social Media! Seguimi su:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also
Close
Back to top button
Close
Close