SocialMediaLife.it

Le Elezioni? Una sfida tra i Social

Dopo le prime Olimpiadi 2.0 è ora il turno delle elezioni. La sfida tra i giganti prosegue.

Google con il suo salotto lounge completamente addobbato per i media, i dietro le quinte della  “Conversation Room” e un end-of-the-week-party epico, è stato indiscutibilmente la più importante delle aziende tech tra quelle che hanno preso parte alla National Convention repubblicana – in un elenco che comprendeva anche Facebook e Twitter.

Questo ha senso – Google e YouTube sono stati la rete sociale e il fornitore ufficiale della diretta streaming del convegno, un ruolo che sta coprendo anche per la Convention Democratica. La società ha condiviso in streaming i contenuti con centinaia di migliaia di spettatori e ha anche usato l’evento come espediente per ospitare una serie di videoritrovi di GooglePlus, che erano di gran moda tra i media che coprivano l’evento e anche per gli organizzatori dei convegni.

Twitter e Facebook, nel frattempo, hanno giocato un ruolo secondario. Tuttavia, hanno ancora retto abbastanza l’impatto. I due condividevano uno spazio di lavoro – forse nel tentativo di unire le forze contro il rivale Google – che è diventato una meta imperdibile di giornalisti e politici, ricevendo visite da personaggi di primo piano come Newt Gingrich e Kevin McCarthy.

Facebook e Twitter hanno usato il loro spazio per mostrare le loro ultime innovazioni politiche, tra cui la piattaforma di analisi della CNN per Facebook, Facebook Election Insights

e il “Twitter Political Index“.

Le due società hanno valorizzato la propria presenza anche in altri modi: ad esempio l’hashtag #GOP2012 per Twitter, era una parte del logo ufficiale della campagna e l’azienda ha intrattenuto i congressisti con interessanti statistiche. Nel frattempo, Facebook ha sponsorizzato una festa per celebrare l’innovazione e un altro evento mentre  gli sviluppatori hanno mostrato diverse applicazioni d’avanguardia  per i politici, costruite con Open Graph.

I politici ora hanno molti modi per comunicare il loro messaggio là fuori“, ha dichiarato Samantha Smith, portavoce di Google. “Abbiamo tutti lo stesso obiettivo, aiutare le persone ad accedere a queste informazioni“, ha aggiunto, in riferimento a Facebook e Twitter, mostrando la comunananza d’intenti tra i rivali.

Quando è stato chiesto se la concorrenza tra le reti sociali alla convention è stata intensa, Andrew Noyes, direttore delle comunicazioni pubbliche in Facebook, ha dichiarato:

“Penso ci sia la stessa sinergia che si vede nel nostro spazio comune di lavoro [con Twitter]. E’ un rapporto di amicizia. “

Joel Kaplan, vice presidente di relazioni pubbliche per Facebook, ha comunicato un sentimento simile – ma ha fatto intendere un pò di più il sentimento di sfida che giace sotto la superficie. Dichiara infatti a Mashable:

“Siamo entusiasti di qealle del 2012 come le prime elezioni veramente Social; stiamo tutti tirando nella stessa direzione. Siamo entusiasti dei cambiamenti che i social media stanno portando nella politica. Ovviamente, noi pensiamo che il vero cambiamento dovrebbe avvenire su Facebook”.

Luca Valzesi

Exit mobile version