Social Media News

Snapchat per il marketing: 5 errori da evitare nella vostra strategia

Snapchat offre grandi opportunità per il marketing. Ma ci sono alcuni errori in cui è facile cadere, ecco i più comuni.

Snapchat è il Social del momento. Oltre 100 milioni di persone lo utilizzano quotidianamente, per raccontare le proprie storie e scoprire quelle degli altri. Nell’ultimo anno i video caricati ogni giorno su Snapchat sono cresciuti del 350% e ogni secondo vengono condivise 8,7 immagini.
Solo l’1% dei brand ha iniziato a farne uso nella propria strategia, il che significa poca competizione e uno spazio ancora tutto da conquistare. E infatti, dati questi numeri e opportunità, il marketing non è rimasto certo a guardare. Da diversi anni importanti brand internazionali hanno utilizzato Snapchat per lanciare campagne in grado di generare ottimi livelli di engagement.

Quando Snapchat nel marketing funziona: Everlane e General Electric

Il marchio di abbigliamento Everlane (@everlane) ha trovato in Snapchat il mezzo perfetto per comunicare con il suo target. Se Facebook continua ad essere lo strumento per pubblicare aggiornamenti e creare conversazioni, Everlane vede Snapchat come un modo per comunicare uno dei suoi valori più importanti, la trasparenza. Niente filtri sulle foto, nessun editing: chi segue il brand può accedere a un backstage genuino dell’azienda, vedere le interviste fatte ai clienti nei punti vendita, come vengono realizzati i prodotti negli stabilimenti e osservare in anteprima i nuovi lanci.

Snapchat Marketing Everlane
Un altro esempio inaspettato di buon utilizzo di Snapchat per il marketing è quello di General Electric (@generalelectric). Non è esattamente il tipo di azienda che ci si aspetta di trovare su Snapchat, considerato il settore e il target di riferimento. Eppure sono riusciti ad utilizzare nel modo giusto questo canale scegliendo un topic interessante, ovvero la curiosità verso la scienza. A cui si aggiunge un format originale, fatto di spiegazioni divertenti e sintetiche di varie nozioni e curiosità scientifiche. Inoltre General Electric ha chiesto ai suoi followers di interagire con il proprio account, inviando un emoji e ricevendo in cambio un contenuto scientifico.

Proposta

Snapchat Marketing General Electric

Ma Snapchat non è per tutte le aziende

Sulla scia degli esempi che abbiamo riportato, molte altre aziende hanno pensato di inserire Snapchat nella propria strategia, senza comprenderne però realmente la logica e il funzionamento. L’effetto è stato di aver fatto dei flop colossali. Capita spesso di vedere account i cui follower si contano sulla punta delle dita, oppure contenuti poco interessanti, copiati dagli altri canali social dell’azienda, incapaci di generare interazione. Come è possibile che questo avvenga anche per le aziende che sugli altri social media sanno fare dell’ottimo content marketing?

Perchè Snapchat è un social diverso da tutti

Le dinamiche su Snapchat cambiano completamente rispetto agli altri social. A partire dall’evanescenza dei suoi contenuti. Snapchat trasforma il concetto di “cancellare” da azione riservata ai contenuti sbagliati a meccanismo per tenere alta l’attenzione degli utenti.
Inoltre il target è decisamente giovane (il 37% degli utilizzatori ha tra i 18 e i 24 anni, il 23% tra i 13 e i 17 anni), e questo è un secondo punto di difficoltà, perchè i gusti, i linguaggi, i trend di punta per queste fasce d’età cambiano molto rapidamente. Quando l’azienda non è in grado di intercettarli ed entrare a far parte delle loro conversazioni o la sua strategia è rivolta a un target molto più adulto, è meglio che continui a puntare su altri canali.

Snapchat Marketing Age Users

5 temibili errori di marketing su Snapchat

Se avete definito e analizzato il vostro target, elaborato una strategia per raggiungerlo e individuato Snapchat come il canale migliore per farlo, bene, siete partiti con il piede giusto. Avete solo pochi secondi per colpire il vostro pubblico, senza una strategia di questo tipo i vostri contenuti spariranno prima di ottenere qualsiasi risultato. Ma perchè il vostro Snapchat abbia successo, ci sono ancora tante insidie da superare. Ecco gli errori più comuni nell’utilizzo marketing di questa piattaforma. E alcuni suggerimenti per utilizzarlo in modo efficace.

Errore 1: non promuovere la vostra esistenza

Avete aperto il profilo del brand su Snapchat, ma i vostri contenuti fluttuano nel vuoto se non avete una buona base di follower che può vederli e condividerli. Per diffondere tra i vostri clienti che ora possono seguirvi anche su Snapchat, comunicatelo sugli altri canali: dai social al sito, dai materiali sul punto vendita a tutta la pubblicità offline.

Snapchat Marketing Lola and Liza
Un’altra possibilità di allargare i vostri follower, per ora attiva solo in certi Paesi, sono i contenuti sponsorizzati. Ci sono tre modi per promuovere un contenuto a pagamento:

  • realizzare uno Snap Ads, quindi un video da da 30 secondi, a tutto schermo, che appare nel contesto degli altri contenuti;
  • scegliere i geofiltri sponsorizzati. Gli utenti di una certa area geografica visualizzano il vostro filtro e possono usarlo per spiegare dove e quando hanno fatto uno snap;
  • puntare sulle lenti sponsorizzate, per offrire un contenuto interattivo con cui gli utenti possono giocare, personalizzando le loro foto con un dettaglio divertente.

Errore 2: Non tenere conto del tempo

Il vostro brand ha partecipato a un evento internazionale. Su Snapchat avete pubblicato immagini e video, ma nessuna risposta dai vostri follower. La ragione potrebbe essere il tempo: la vita di uno snap è di pochi secondi, poi sparisce nel nulla. Il momento in cui lo pubblicate è fondamentale. Se eravate dall’altra parte del mondo avete tenuto conto del fuso orario? Magari non avete ricevuto risposta perchè i vostri follower stavano dormendo.

Errore 3: Sottovalutare la localizzazione

Un altro errore comune, dovuto alla scarsa conoscenza delle opportunità di Snapchat è sottovalutare il potere della localizzazione dei contenuti. Se vi fermate alla logica degli altri social media, la localizzazione è solo un dettaglio, non il cuore del contenuto. Snapchat ha trasformato questa prospettiva, offrendo ai suoi utenti sempre più possibilità di dire in modo creativo dove si trovano. L’ambiente diventa parte integrante della loro storia. Fatelo anche voi: ci sono filtri di localizzazione da aggiungere alle immagini e ai video o potete rendere alcune Storie visibili solo in certe aree geografiche.

Snapchat Marketing Geofilters

Errore 4: Riproporre gli stessi contenuti

Avete realizzato un video che racconta il vostro brand, con un’eccellente postproduzione, filtri vintage e piccoli ritocchi sulle immagini originali per rendere tutto perfetto. Dopo il grande successo su Facebook, Instagram e Pinterest ripubblicate il video su Snapchat e, solo su questo canale, si dimostra un flop. Cosa avete sbagliato? Tante cose. La prima: le persone su Snapchat amano la spontaneità dei contenuti, l’immediatezza e il realismo, mentre il vostro video, formalmente impeccabile, su questa piattaforma risulta artefatto. Secondo errore: chi vi segue sugli altri social ha già visto quel contenuto. Se vi ha aggiunto anche su Snapchat si aspetta del contenuto differente, altrimenti vi abbandonerà presto. Terzo: il target che avete su Snapchat potrebbe essere molto diverso rispetto a quello di Facebook o Twitter, per cui meglio personalizzare lo stile del contenuto sui suoi gusti.

Errore 5: Pubblicare una volta a settimana (o meno)

Da quando avete attivato il canale Snapchat del vostro brand è passato qualche mese e avete pubblicato solo una manciata di contenuti. Grave errore: i vostri follower si saranno già dimenticati di voi. Anche questo va infatti contro la natura di Snapchat, che è fatta di relazioni, di brevi appuntamenti ma ricorrenti. Cercate di pianificare la vostra strategia di pianificazione in modo da pubblicare giornalmente, è sufficiente anche un’immagine di backstage. Se state per lanciare un prodotto, utilizzate una serie di snap, così da permettere ai vostri follower di dare uno sguardo dietro le quinte e seguire con interesse l’avvicinarsi del lancio. Rihanna ha utilizzato Snapchat in questo modo per il suo nuovo singolo.

Il peggior errore è non mettersi alla prova

Il fatto che Snapchat sia uno strumento ancora complesso per i marketer, non deve scoraggiarvi, anzi. L’importante è utilizzarlo a seguito di un’analisi e di una strategia. Pensate che Snapchat potrebbe funzionare bene per il vostro marketing? Quali sono le migliori e peggiori campagne che avete visto in giro per il web?

Silvio Porcellana

Tags

Silvio Porcellana

Silvio Porcellana è il fondatore e CEO di mob.is.it, il sistema online utilizzato da oltre 1000 agenzie e professionisti per costruire siti mobili e app native per i clienti di tutto il mondo. Dalla sua sede nel Monferrato avvia con passione idee imprenditoriali, ama scrivere su web e mobile marketing e aiuta i clienti ad avere successo online.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close