Social Media News

Velocità di connessione a Internet: i Paesi virtuosi

La classifica delle Nazioni con velocità media di connessione a Internet premia alcune delle “tigri asiatiche” e i Paesi Scandinavi.

Nessuna traccia dell’Italia nella Top 10, diciamolo subito, così da toglierci il dente. Scontato? Forse si, ma si è sempre in tempo per adottare un piano di sviluppo digitale serio e duraturo, che non guardi solo all’oggi ma che tenga presente di cambiamenti e sfida che possono attendere (e che già lo fanno) il Paese, investendo di più in tecnologie, infrastrutture e Cultura Digitale (ma anche solo in Cultura perché, nonostante il mantra degli ultimi anni sia sempre “con la Cultura non si mangia”, i dati relativi a turismo e richiesta di prodotti Made in Italy, siano essi artigianali, eno-gastronomici o altro, è in continua crescita). Perché il Digital Divide esiste e anche l’info-povertà, l’analfabetismo tecnologico e tutte le altre carenze tipiche di un Paese non moderno. La classifica di Akamai parla chiaro, i servizi offerti dai provider Internet nostrani non è neanche lontanamente comparabile neppure al Regno Unito, che si ferma alla ventesima posizione con una media di 14.9 Mbps (Megabit per secondo) per quanto concerne la velocità di connessione alla Rete. Una posizione però che non deve ingannare, perché a fronte di una connessione “lenta”, il Regno Unito vanta comunque primati in ambito Tech Economy, con una rete di aziende e startup che affollano la City di Londra e danno lavoro (oltre PIL) al Paese.

Classifica Paesi per velocità media di connessione a Internet - Q3 2016

I dati si riferiscono al rilevamento effettuate durante il terzo trimestre del 2016 e incoronano la Korea del Sud, patria della Samsung, con una media di 26.3 Mbps. A seguire un’altra sorella asiatica, Hong Kong, a 20.1 Mbps. Terzo (per un pelo) e quarto posto per Norvegia (20 Mbps) e Svezia (19.7 Mbps). Gli Stati Uniti, patria per eccellenza della Web Economy, si piazzano solo al 12° posto, pagando sicuramente per estensione geografica, disallineamento infrastrutturale e culturale tra gli Stati membri e condizioni morfologiche.

Purtroppo, nonostante l’ONU abbia dichiarato, mediante la risoluzione ufficiale “Promozione, protezione e godimento dei diritti umani online”, approvata lo scorso 30 giugno 2016 che:

Gli stessi diritti che le persone hanno offline, devono loro essere riconosciuti anche online

le cose non vanno di pari passo in tutti i Paesi del Mondo, Italia compresa, con discussione sul Diritto di Accesso a Internet ancora in ballo sin dalla proposta iniziale di Stefano Rodotà, del 2010.

Curiosi di sapere se il vostro collegamento vale gli Euro che spendete ogni mese? Fate pure un test della Internet Speed con uno qualsiasi di questi servizi online gratuiti.

Tommaso Lippiello

Tags

Tommaso Lippiello

Lavora da tempo come Digital Program Manager per Agenzie di Marketing e Comunicazione e in Aziende del settore ICT. Consulente Digitale per realtà come DigiCamere - Camera di Commercio di Milano, Microsoft Bing, Reply e Luxottica, è attualmente Digital Innovation Manager in CRAI Secom SpA, Docente presso l'Università LIUC nel corso "La comunicazione interattiva: blog, social network, app, business network" presso la facoltà di Economia e Management e Advisor allo IULM Innovation Lab. Esperto di Social Media ha esperienza come Speaker e Formatore ed è il creatore e redattore di SocialMediaLife.it e co-Founder di MobilitaPubblicoImpiego.it. Seguimi su:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also
Close
Back to top button
Close
Close